martedì 28 Maggio 2024 - 8:22

Febbraio, 2023

LA FURIA DEGLI UOMINI | EZIO GAVAZZENI E SALVATORE BORSELLINO

15FebTutto il giornoLA FURIA DEGLI UOMINI | EZIO GAVAZZENI E SALVATORE BORSELLINORADIO GIANO PUBLIC HISTORY

Dettagli

Un podcast da non perdere!

GIANO PUBLIC HISTORY APS presenta

Dalle stragi del 1992, con gli omicidi di Salvo Lima, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino all’arresto di Matteo Messina Denaro e la messa in discussione dell’articolo 41-bis.

BARDOLINO (VR) – MILANO – PALERMO – ROMA

3° episodio per “Vite Parallele” rubrica ideata e condotta da Catia Simone

presenta:

LA FURIA DEGLI UOMINI | Ezio GAVAZZENI con la presentazione di Salvatore BORSELLINO, Mursia, 2022

Ospite l’autore Ezio GAVAZZENI Scrittore, editor, autore di testi teatrali, vive a Milano. Ha collaborato con Mondadori, News, Proget, Prepress, Motta edizioni e Giuffré edizioni. Ha diretto corsi di scrittura. Premio della critica al Milano International 2022.
Con la partecipazione di Salvatore BORSELLINO, fratello del magistrato Paolo Borsellino, ideatore del movimento Agende Rosse nato il 19 luglio 1992 anno della strage di Via d’Amelio. Autore della prefazione del libro di Ezio Gavazzeni La Furia degli Uomini.

Sinossi:
Paolo Borsellino (19 gennaio 1940 – 19 luglio 1992) è stato un giudice e pubblico ministero italiano ricordato per il suo lavoro nella lotta alla criminalità organizzata, in particolare alla mafia siciliana. Borsellino è nato a Palermo, in Sicilia, e dopo aver studiato giurisprudenza all’Università di Palermo, è diventato giudice nel 1963. Successivamente è diventato pubblico ministero ed è stato incaricato di indagare sui crimini legati alla mafia.
Borsellino è stato coinvolto in diversi casi di alto profilo ed era noto per la sua dedizione e coraggio nel perseguire la mafia. Ha lavorato a stretto contatto con un altro importante procuratore antimafia, Giovanni Falcone, e insieme hanno compiuto progressi significativi nello smantellamento della presa della mafia sulla società siciliana. Tuttavia, il loro lavoro li ha resi bersagli della mafia ed entrambi gli uomini hanno ricevuto numerose minacce di morte.
Tragicamente, il 19 luglio 1992, Borsellino e cinque membri della sua scorta di polizia furono uccisi in un’autobomba a Palermo, appena due mesi dopo che anche Falcone era stato assassinato dalla mafia. Le uccisioni di Borsellino e Falcone hanno sconvolto l’Italia e portato a un rinnovato impegno nella lotta alla criminalità organizzata. Oggi Borsellino è ricordato come un eroe nella lotta alla mafia e la sua eredità continua a vivere nei continui sforzi per sradicare la criminalità organizzata in Italia.

Musiche con licenza d’uso Epidemic Sound

GIANO PUBLIC HISTORY APS
afferente al Centro interuniversitario per la ricerca e lo sviluppo della Public History
Sostienici con il 5×1000 : CF 97901110581

più informazioni

Orario

Tutto il giorno (Mercoledì)(GMT+01:00) View in my time

Condividi questo evento