3° È ORA DI SPEGNER LA LANTERNA. ULTIME POESIE | Marina Cvetàeva (1892-1941) curatore Bruno OSIMO

0
224
Tempo di lettura: < 1 minute

Giornata Internazionale della Donna 8 marzo 2024

BARDOLINO (VR) – MILANO – ROMA

Per la rubrica VITE PARALLELE, Catia SIMONE presenta:

È ORA DI SPEGNER LA LANTERNA. ULTIME POESIE | Marina Cvetàeva (1892-1941) curatore Bruno OSIMO (2024)

Bruno OSIMO (Milano, 14 dicembre 1958) è un semiologo e scrittore italiano. Laureato all’Università di Tartu con Peeter Torop, ha conseguito il dottorato all’Università degli Studi di Milano; da allora si è dedicato allo studio della traduzione a partire da una prospettiva semiotica, in particolare studiando le fasi mentali del processo traduttivo e la valutazione della qualità della traduzione. È docente di traduzione presso la Civica Scuola Interpreti e Traduttori “Altiero Spinelli”.

Abstract
Questa parte della produzione di Marina Cvetàeva (pronuncia: Zvietàieva), nata nel 1892 e morta suicida nel 1941, le poesie degli ultimi cinque anni, è sconosciuta ai lettori italiani. Sono gli anni dello scoppio della guerra e del patto Molotov-Ribbentrop di non aggressione tra Germania nazista e Russia staliniana. È stato un periodo drammatico per Cvetàeva, come dimostra il suicidio del 31 agosto 1941. Il 18 agosto era sfollata a Elabuga, mille km a est di Mosca. Il 25 agosto aveva fatto richiesta di essere presa come lavapiatti alla mensa del Litfond di imminente apertura. Soffriva da anni la fame, la figlia Ariadna e il marito Sergéj Efrón erano in lager.

Marco Lodi
Regia, editing, grafica, musica con licenza d’uso Epidemic Sound

GIANO PUBLIC HISTORY APS
afferente al Centro interuniversitario per la ricerca e lo sviluppo della Public History
Sostienici con il 5×1000 : CF 97901110581


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui